Home
Chi sono
Naturopatia
Massaggi
Floriterapia
Reiki
Contatti
Link utili
 Se avete feedback su come possiamo rendere il nostro sito più consono per favore contattaci e ci piacerebbe sentire da voi.
 

In molti  Paesi del Mondo, crescono fiori e piante utilizzati per preparare rimedi floriterapici.

La Floriterapia è una cura semplice, naturale, efficace ed universale, riporta ordine e armonia nel corpo e nella mente.

 

Nelle tradizioni più antiche, comprese quelle occidentali, il “malessere” non era concepito disgiunto dall'’Essere: la malattia non era quella di un singolo organo, ma di un uomo nella sua totalità; era importante comprendere l'’animo della persona perché era dall'’animo stesso la nascita delle sofferenze del corpo.

 

Anche ai nostri giorni si è compreso come la paura, l'’insicurezza, le frustrazioni, l'’ansia , la rabbia, l'’odio ed in genere gli  stati d'’animo negativi si riversano sul corpo creando un malessere generale.

 

E’ semplice constatare come l’'organismo risponde alla paura: sudorazione eccessiva, tensione muscolare, dilatazione delle pupille.

 

Padre ed artefice di questa pratica ormai conosciuta ed usata è il Dr. Edward Bach (1886-1936) il quale dedicò tutta la sua vita alla cura delle persone con l'’utilizzo di questi rimedi, scontrandosi anche con il mondo accademico del suo tempo.

Grande studioso e medico, famoso immunologo, lasciò la sua brillante carriera per andare nei boschi del Galles alla ricerca di fiori, arbusti e piante per la cura dell'’animo umano.

Intuì come la mente umana e gli stati d'’animo potessero essere determinanti per la salute ma anche per la malattia: riteneva che uno squilibrio fra mente, corpo ed anima determina un malessere profondo che deve essere sanato con dei rimedi capaci di liberare i blocchi energetici causati dalle emozioni vissute.

 

Trovò, nel corso degli anni, 38 essenze floreali ognuna delle quali agisce con un'’emozione particolare e che rappresenta gli archetipi della natura umana.


Alla sua morte, sostenuti dalla ricerca e dai risultati ottenuti con l'’uso dei fiori di Bach, altri studiosi continuano la sua opera aggiungendo nuovi fiori per risolvere malesseri causati dal cambiamento degli usi e costumi e dalla vita sempre più frenetica.

 

Fiori Californiani F.E.S.

Si attingono nuove energie dalla ricerca di Richard Kats e Patricia Kamiski che nel 1979 danno vita alla Flower Essence Society (FES) con circa cento rimedi floreali che possono essere definiti come la prosecuzione della floriterapia di Bach. Le loro essenze rispondono a richieste tipiche del momento attuale: problemi sociali, confusione tra i ruoli maschili e femminili, di inquinamento urbano che ai tempi del Dr. Bach non esistevano.


Fiori Australiani del Bush

Il loro ricercatore é Ian White, ultimo in una famiglia di terapeuti che hanno sempre usato rimedi naturali.

White é cresciuto in Australia nella zona del Bush, parte selvaggia del territorio. La sua insegnante é stata la nonna che lo ha sempre portato con se indicandogli le proprietà di piante e fiori e attraverso questi insegnamenti, Ian ha potuto ricercare  le qualità riequilibranti delle piante australiane.

 

Le essenze floreali non agiscono in base alla loro composizione chimica, ma grazie alle “forze vitali” estratte dai fiori. Il fiore utilizzato in floriterapia è un catalizzatore di consapevolezza, in grado di armonizzare l'’intera personalità.

 

La preparazione dei rimedi floreali è la stessa per tutti: in un flaconcino ambrato da 30 ml riempito di acqua naturale e brandy si mettono le gocce del rimedio o dei rimedi utili alla persona.

L'’assunzione varia dal tipo di rimedio: 4 gocce, quattro volte al giorno per i fiori di Bach e per i fiori Califoniani (FES),  7 gocce due volte al giorno per gli Australiani .

Oltre all'’uso classico, possono essere usati vaporizzati negli ambienti, messi nella vasca da bagno, usati come collirio o come creme.

 

Possono essere usati dai bimbi molto piccoli, dalle donne in gravidanza e dalle persone anziane, possono inoltre essere usati per la cura degli animali e delle piante.

 

Usare la Floriterapia è un riconoscimento verso sei stessi, significa amare il proprio corpo,  adottando rimedi che soddisfano il  bisogno più profondo dello stare bene ed in armonia con se stessi, gli altri e l'’ambiente circostante.

 

Basta guardarsi intorno: la natura a primavera  illumina gli occhi e il cuore con i colori e i profumi dei fiori, delle gemme, degli alberi.

 

La Floriterapia è stata riconosciuta nel 1976 dall’OMS che ne ha consigliato l’uso ai suoi Stati Membri.

 

 

 

 

La floriterapia non è una terapia medica, i fiori non sono farmaci e non hanno alcun effetto biochimico sull'organismo, ma agiscono solo sugli stati d'animo a livello emozionale in quanto non contengono particelle attive. L’ interruzione o la di riduzione arbitraria del dosaggio di farmaci prescritti, condotti al di fuori del controllo medico, sono sotto la responsabilità di chi li effettua.


Site Map